Camini a pellet

I camini a pellet sono dei sistemi di riscaldamento a camera chiusa che vengono alimentati utilizzando dei cilindretti pressati conosciuti comunemente con il nome di pellet.

I camini a pellet rappresentano un’ottima opportunità di conciliare l’esigenza di avere un luogo caldo e sicuro con la necessità di inquinare meno l’ambiente.

Oltre a limitare notevolmente i costi di manutenzione e mantenimento che invece caratterizzano le vecchie strutture tradizionali – sempre più crescenti col passare del tempo-, il camino a pellet offre innumerevoli vantaggi che a lungo termine avranno un impatto positivo sia sul benessere degli inquilini che, in via del tutto materiale, sull’economia della casa. 

Camini a pellet: i benefici

I benefici di un impianto di riscaldamento domestico basato sull’installazione di un camino a pellet si manifestano già dal momento della prima accensione. Innanzitutto, ha elevati standard di sicurezza rispetto alle forme tradizionali di riscaldamento poiché il focolare, oltre ad essere racchiuso in una struttura di metallo, arde al di là di un vetro e quindi questo evita fuoriuscite di fumi e scintille che rappresentano a volte un elemento di pericolo anche per i più piccoli che cercano un riparo davanti ad una fonte di calore.

Un altro vantaggio tipico delle installazioni di camini a pellet è la facilità di accensione e soprattutto di programmazione diaria che permette di godere di un ambiente domestico riscaldato sempre al momento giusto.

Grazie a questa impronta fortemente ecologica si eviteranno, oltre che gli sprechi di calore, anche le sorprese in bolletta. È stato dimostrato che grazie al combustibile a pellet un’abitazione riesce a risparmiare oltre il 60% sui costi di riscaldamento. Basterà soltanto caricare il camino di combustibile e attivare il controllo programmato, così la giornata inizierà sempre col piede giusto.

Camino a pellet: scopriamo di più su questo combustibile

Il pellet è un materiale ottenuto dalla lavorazione del legno: gli scarti, che non sono destinabili ad altri impieghi, vengono recuperati e pressati, trasformandoli di fatto in quei cilindretti chiamati, appunto, pellet (ordinalo online nel nostro sito).

Si tratta di un combustibile ecosostenibile, dai grandi vantaggi. Fatto di lignina e segatura essiccata, rientra fra le alternative più valide alla legna stessa. Trattandosi di materiale grezzo, di scarto, non contiene smalti né sostanze tossiche. Inoltre, è molto pratico e facile da maneggiare e stoccare, grazie ai comodi sacchi in cui viene venduto.

Produce meno cenere rispetto al legno e assicura un alto rendimento in termini di riscaldamento poiché oltre l’80% del combustibile viene trasformato in calore evitando le dispersioni sia di ceneri che di energia. È privo di umidità e, per questo, brucia completamente evitando di sporcare la canna fumaria e riducendo la necessità di interventi.

Il suo rendimento è ottimale: il potere calorifico è doppio rispetto al legno, a parità di volume. Le emissioni di CO2 che produce poi sono le stesse previste dalla naturale per la naturale decomposizione del legno. Trattandosi di un materiale di scarto evita di dover ricorrere all’abbattimento di alberi, salvaguardando ulteriormente l’ambiente.

Infine, ha un costo inferiore rispetto agli altri combustibili, per non parlare delle agevolazioni fiscali per l’installazione di camini che si avvalgono di pellet per la combustione. 

Camini a pellet: ecobonus 2021

L’acquisto di un camino a pellet performante e di ultima generazione può, nel 2021, dare la possibilità di usufruire di un’importante detrazione fiscale, fino al 65% dell’importo speso. Si tratta dell’Ecobonus 2021, un’agevolazione concessa dal Governo per la riqualificazione energetica.

Se questa riqualificazione riguarda il semplice acquisto di un camino o di una stufa si può richiedere una detrazione pari al 50% dell’importo di acquisto più lavori d’installazione, altrimenti, se l’intervento è più ampio e riguarda l’intero immobile – con un notevole salto di classe energetica –, il bonus è del 65%.

Le condizioni? Che l’edificio abbia già un sistema di riscaldamento e che quello nuovo abbia un rendimento uguale o superiore all’85%, con una classe di qualità ambientale pari a 4 stelle. Per richiederlo occorre effettuare il pagamento tramite bonifico bancario o postale parlante, dove dovrà essere indicato il Bonus in causale.

Inoltre, la comunicazione dovrà essere inviata ad Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) tramite sito web, non oltre 90 giorni dal termine dei lavori. L’importo verrà restituito al beneficiario in dieci anni tramite detrazione Irpef, con rate di pari importo. 

I camini a pellet rappresentano la soluzione di qualità, sia estetica che funzionale, per ogni tipologia di casa.

Torna in cima